Unidentified Floating Object: catamarano

By | 10 giugno 2016

A causa delle sempre più stringenti normative è necessario studiare mezzi di trasporto più ecologici come un nuovo multiscafo con propulsione ibrida, pronto per la futura generazione di yachtsmen.
Questo piccolo e capace yacht di cui è visibile un video a questo indirizzo, è dotato di ogni comfort a bordo per dodici passeggeri, ed è motorizzato con una coppia di Seatek diesel da 1400 hp e idrogetti Castoldi per una velocità di progetto di 50 nodi.

Rendering, colori nero e giallo

3d view of the rendered model

In una barca mono-carena stabilità e prestazioni sono inversamente proporzionali, in altre parole la coperta è un po’ troppo corta, mentre grazie alla configurazione dello scafo di un catamarano è possibile ridurre le superfici immerse senza penalizzare la stabilità, inoltre grazie al minore rollio anche il soggiorno a bordo sarà più confortevole.

rendering of the interiors: pilothouse and helm position

Interni: locale timoneria con postazioni ergonomiche

Attualmente è allo studio anche una versione ibrida che grazie a un proulsore elettrico secondario – del quale sono già commercializzati diversi modelli – potrà raggiungere le più esclusive e destinazioni e le riserve marine senza inquinare l’ambiente circostante, inedite come di consueto le linee d’acqua.

Particolari interni: bagno

Vista interna nel locale bagno, suite VIP

Una barca così insolita non mancherebbe di far parlare di sé, sarebbe il mezzo ideale per un armatore sportivo e potrebbe essere utilizzata anche per viaggi di lavoro a medio raggio e sarebbe adatta anche per il chartering e per la vita a bordo grazie ai voluminosi interni. Alcuni numeri di questo progetto sono una larghezza di 26 piedi (si tratta di una barca pensata sopratutto per navigare e non per stare banchina!!) e un pescaggio di poco più di un metro. Italiano anche il nome scelto per identificare questo progetto con note ispirate al design italiano di auto sportive. Per maggiori informazioni è possibile contattare Camillo tramite la pagina Contatti del sito.

Rispondi