Il taccuino

di | 2 Aprile 2016
Carta nautica con rotta

Percorso della Venezia-Montecarlo 2016

Mentre la notizia del giorno è la replica del Pilar, la barca di Hemingway presentata al Miami Boat Show, e in attesa di vedere pubblicati alcuni progetti ai quali ho avuto il piacere di collaborare ultimamente, meriterebbe un commento l’edizione 2015 della storica gara di motonautica endurance Venezia-Montecarlo che si corre lungo le coste del belpaese e che è stata interrotta circa a metà strada perchè agli off-shore è stato vietato di attraversare il santuario dei cetacei. Senza cadere in questi paradossi, visto che l’inquinamento generato da una simile flotta rappresenta una frazione di quanto prodotto da una singola nave, per non parlare del trasporto aereo o su gomma, si è persa comunque l’occasione di proporre mezzi nautici ecosostenibili grazie alla ricerca tecnologica, in realtà le normative antinquinamento per motori marini (EPA, TIER, ecc) sono già tra le più severe in materia. Se stanno a cuore i cetacei e la fauna marina andrebbero piuttosto criticati gli hydrofoil installati sulle barche di Coppa America, vere lame che viaggiano a gran velocità sotto il pelo dell’acqua e che potrebbero ferire il dorso di mammiferi e pesci, fu questo il motivo del declino dei famosi aliscafi prodotti a Messina negli anni sessanta che avevano almeno come deterrente il rumore dei motori.

America's Cup on hydrofoil

America’s Cup hydrofoil

Che cosa potrebbe fare chi desidera navigare in maniera ancora più sensibile? Esistono molti accorgimenti in fase di progetto per una barca più efficente come un buon rapporto tra lunghezza e larghezza, che non dovrebbe mai scendere sotto 4:1, trasmissioni evolute come eliche di superfice o idrogetti, e aspettando i prossimi mezzi di propulsione elettrica ridurre i pesi a bordo e quindi i consumi. Per fare qualche esempio installando rivestimenti in materiale plastico o sughero al posto delle doghe in teak, ecologici e isolanti.

Seacork

Seacork

O anche sostituire il cristallo temperato usato per finestre e finestrini, uno tra i materiali più pesanti, con lastre in policarbonato (Plexiglass) che oltre alla leggerezza offre protezione dai raggi UV (interni più freschi) infrangibilità e la possibilità di essere termoformato creando superfici curve e cupole. Verniciature: una o più mani di pittura sono necessarie nella costruzione dell’imbarcazione, mentre la successiva applicazione con pistola a spruzzo di gelcoat poliuretanico colorato è impegnativa e potenzialmente inquinante anche per i successivi restauri.

Paletta dei colori disponibili 3M

Colori vinile

Con il boat wrapping si possono creare adesivi e logo vinilici adatti a rivestire la propria barca sopratutto se di ridotte dimensioni, questi possono essere di quasiasi colore e foggia, metallizzati, iridescenti eccetera. Potremo sbizzarrirci a cambiare colore al nostro veccchio legno o ripristinarne lo stato iniziale disegnando e sostituendo il solo rivestimento adesivo, operazione che richiede una manodopera minima e nessun impatto ambientale.

Sealine C330

Sealine C330 con boat wrapping

 

Rispondi